4-2012 Corongia (Gadoni)

pubblicato in: Escursioni 2012 | 0

 

 

Club Alpino Italiano – Sezione di Cagliari Programma Annuale Escursioni 2O12

domenica 12 febbraio 2012                               4a ESCURSIONE  SOCIALE

 

Corongia

 

Tragitto in auto proprie
 Ritrovo  Partenza dal parcheggio di Media World – ex  SS 131 – ore 7,30
 Riferimento  Foglio IGMI scala 1:25000 F. 530 Sez. II
 Comuni interessati  Gadoni
 Lunghezza  11 km circa
 Dislivello in salita  650 m circa
 Dislivello in discesa  640 m circa
 Tempo di percorrenza  6 ore circa, esclusa la pausa pranzo
 Difficoltà  E; per deviazioni facoltative: EE 
 Tipo di terreno  Sentiero e Carrareccia
 Interesse  Paesaggistico
 Segnaletica  Nessuna
 Attrezzatura  Vestiario adatto alla stagione; scarponi da trekking, pila frontale;
 Pranzo  Al sacco
 Acqua  Scorta adeguata alla stagione
 Rientro a Cagliari  Ore 18,00 circa
 Quote partecipazione  5 euro per i soci; 15 euro per i non soci
 Prenotazioni  Al 340-5848136

 

 

Il percorso compie un periplo che si snoda dapprima alla base del maestoso tacco calcareo di Lattinazzu, quindi sull’altipiano da cui si gode un vasto panorama che spazia dalla profonda vallata del Flumendosa alle cime del Gennargentu, e dei monti della Barbagia di Belvì-Seulo, dell’Ogliastra di Seui, fino a quelli del Sarcidano.

Descrizione generale

 

L’escursione, di media difficoltà, si svolge nella imponente foresta di Corongia estesa su un territorio di 450 ettari e consistente in un bosco di alto fusto (Leccio, Tasso, Terebinto, Agrifoglio, Ginepro ed alcuni esemplari di Acero trilobo), alberi a basso fusto (Corbezzolo, Erica, Lentischio, Viburno) e specie floreali (Peonia selvatica, Orchidea selvatica). Questo territorio è ancora un habitat ideale per alcune specie animali che lo popolano quali il cinghiale, la martora, l’aquila, il gatto selvatico, l’astore e tanti altri.

  Come si arriva

Per il viaggio si utilizzeranno mezzi propri. Il ritrovo è previsto alle ore 7,30 al parcheggio del Centro commerciale Media World.

Ci si immette sulla Carlo Felice con direzione Sassari. Si prosegue fino al bivio Villasanta, al Km 38, quindi si imbocca la SS 197 che si percorre fino al bivio di Nurallao, dove si svolta a destra in direzione di Isili, sulla SS 128. Dopo circa 3 km, si svolta a sinistra per la zona industriale di Isili. Dopo 2,5 Km, si svolta ancora a sinistra, si prosegue per circa 7 km fino all’innesto con la SP 52 dove si svolta a sinistra in direzione di Santa Sofia. All’incrocio con la SP 52Bis, si svolta a destra in direzione Aritzo-Meana. Si percorre per 3,5Km fino al bivio per Funtana Raminosa dove imbocchiamo, sulla destra, una strada dapprima sterrata, poi asfaltata. Dopo 4 Km troviamo un bivio sulla destra con un cartello dell’Ente Foreste con l’indicazione “Sentiero escursionistico” ed un pannello illustrativo dello stesso Ente Foreste, che imbocchiamo. Si prosegue per 2,7 Km fino ad un ampio spiazzo sulla sinistra in cui parcheggiamo le auto.

 

Itinerario a piedi

Dal parcheggio (mt. 754 slm), ci si incammina in direzione nord e poi nord est seguendo nel bosco il naturale declivio del terreno, su tracciato evidente. Dopo circa 300 mt., si giunge ad uno spiazzo caratterizzato da un piccolo anfiteatro realizzato in pietre nei pressi di una abbondante sorgente, oltrepassata la quale troveremo una ampia radura, attraversata dall’acqua della sorgente stessa.

Sulla sinistra, la radura è delimitata da evidenti formazioni rocciose, alla base delle quali un breve tratto in decisa pendenza, dopo una recinzione, ci porta nei pressi della  “Sa Grutta de Perdu”, anfratto abbellito al suo interno da un suggestivo laghetto (primo tratto facoltativo).

 

 

 

Risaliti alla radura, la si attraversa sino alla recinzione che la delimita a sud, superata la quale, si discende nel bosco mediante ripide serpentine in direzione sud est, sino a giungere all’inizio di un chiaro sentiero (mt. 650 slm), residuo di antica carrareccia. Proseguiamo in quota per circa 1200 mt nella fitta boscaglia, trascurando eventuali incroci per mantenere comunque la direzione sud. Abbiamo finora percorso poco più di 3 km, quando perveniamo all’innesto con unacarrareccia orientata anch’essa nord/sud. A questo punto inizia la seconda deviazione facoltativa che ci consente, dopo 200 mt di ripida salita, di giungere alla base di “Su Campalini”, pilastro roccioso che si eleva per 84 mt. accanto alla parete strapiombante dell’altipiano di “Lattinazzu”.

 

Ridiscendiamo, su traccia di sentiero nel bosco, in direzione sud est, si ritorna nella carrareccia per poi proseguire sempre in direzione sud est. Si perviene quindi, dopo poco più di 800 metri, all’innesto con sentiero che sulla destra risale il pendio boscoso. Percossala per 200 mt., si giunge ai ruderi di un ovile, alla base della parete a strapiombo dell’altipiano, dove potremmo ammirare un’ampia frattura nella roccia e il suggestivo panorama.

Ripercorriamo a ritroso il percorso, fino alla carrareccia originaria, e proseguiamo in direzione sud est, e superata l’ampia radura con i ruderi di “Sa Omo ‘e su Cinisu” (mt. 617 slm, km. 4,46 dalla partenza) raggiungiamo, dopo 400 mt., un bivio, in cui svoltiamo a destra, in evidente risalita, che, con tornanti, ci consente di pervenire – dopo aver superato una chiusura di recinzione – alla radura della “Funtana Biduladu” (mt. 691 slm, km. 5,14).

Attraversata la radura sulla sinistra, si risale decisamente il pendio boscoso, seguendo tracce di sentiero che uniscono, nel loro svolgersi, alcune carbonaie, in direzione sud.

Si giunge quindi ad uno spiazzo (mt.741 slm, km. 5,46) ai bordi di una carrareccia, dove sosteremo per il pranzo.

Poi, si percorre un breve tratto di circa 100 mt. in direzione nord est, si devia quindi a sinistra, direzione sud, attraverso il bosco, sino ad una recinzione forestale, che si scavalca mediante apposita scala. Si prosegue in direzione nord ovest sul limitare del bosco, dove è in corso la pulitura del sottobosco, sino a pervenire ad una carrareccia, percorrendo la quale verso sud, per circa 200 mt, giungiamo al bivio con indicazione a sinistra per “Luritta”, che seguiamo. Si raggiunge (758 mt slm, 7 km) uno spiazzo da cui sulla destra si risale il pendio della collina, pervenendo all’inghiottitoio “Su Disterru de Luritta” (mt. 766 slm).

Tornati alla carrareccia, la si segue verso nord per poi raggiungere dopo poco più di 3 km, il parcheggio delle auto, ammirando, dal bordo dell’altipiano di Lattinazzu, il notevole panorama dei monti delle Barbagie, del Sarcidano e del Gennargentu, certamente innevato.

    Raccomandazioni

L’escursione non presenta particolari difficoltà, salvo per 2 brevissimi tratti (discesa alla “Grutta de Perdu”, risalita a “Su Campalini”) che per il fondo ripido, scivoloso e parzialmente esposto, necessitano di particolare attenzione. Comunque, i due tratti citati sono deviazioni facoltative (chi vuole, può rinunciare a farle) dal percorso principale, presidiate e rese sicure  dall’assistenza degli accompagnatori.Si richiede comunque una buona preparazione fisica e l’utilizzo di un appropriato equipaggiamento. Gli scarponi, in particolare, devono avere il fondo ben scolpito ed essere ampiamente collaudati.

  Alimentazione

Si raccomanda di fare una buona colazione e, durante l’escursione, di consumare solo piccoli pasti a base di carboidrati complessi (pane, fette biscottate) e/o barrette energetiche.

Indispensabile una scorta d’acqua (almeno1,5lt) e/o integratori energetico – salini. Da evitare l’assunzione di bevande alcoliche.

    Norme di comportamento da tenersi durante le escursioni  

Ogni componente del gruppo durante l’escursione starà sempre dietro il Direttore di Escursione e ne dovrà seguire scrupolosamente le indicazioni.

Chi va avanti al Direttore di Escursione sappia che sta rinunciando al nostro accompagnamento e alla assicurazione del CAI.

Chi dovesse fermarsi per necessità fisiologiche lasci il sacco lungo il sentiero e chi chiude la fila saprà che deve attenderlo.

Chi fuma è vivamente pregato di evitarlo durante l’escursione.

Non si lasciano rifiuti di alcun tipo; i rifiuti si riportano a casa.

Ogni infrazione può essere motivo per l’ esclusione da partecipazioni successive.

    Dichiarazione di esonero di responsabilità  

Il Club Alpino Italiano promuove la cultura della sicurezza in montagna in tutti i suoi aspetti. Pur tuttavia la frequentazione della montagna comporta dei rischi comunque ineliminabili e pertanto con la richiesta di partecipazione all’escursione il partecipante esplicitamente attesta e dichiara:

di non aver alcun impedimento fisico e psichico alla pratica dell’escursionismo, di essere idoneo dal punto di vista medico e di avere una preparazione fisica adeguata alla difficoltà dell’escursione;

di aver preso visione e di accettare incondizionatamente il Regolamento Escursioni predisposto dal CAI – Sezione di Cagliari;

di ben conoscere le caratteristiche e le difficoltà dell’escursione;

di assumersi in proprio in maniera consapevole ogni rischio conseguente o connesso alla partecipazione all’escursione e pertanto di esonerare fin da ora il CAI Sezione di Cagliari e i Direttori di Escursione da qualunque responsabilità.

    Direttori di Escursione

Giorgio Faret, Raimondo Canargiu, Giorgio Argiolas, Massimo Castello, Maria Paola Romagnino

file/Descrizione Corongia di Gadoni – rev(1).pdf         La prossima escursione sarà il 19 febbraio 2012 a: Monte Santu Padre – Bortigali(E)

Direttore di Escursione: Paolo Selis (AE), Cesare Serra, Giampaolo Muscas

prenotarsi in tempo !