Domenica 29 ottobre – Monti di Capoterra

pubblicato in: Escursioni 2017 | 0

Domenica 29 ottobre – Monti di Capoterra

Nella foresta primaria del Sulcis
Premessa
Ci troviamo nel territorio dell’istituendo Parco del Sulcis, nella parte sud della provincia di Cagliari. L’escursione è caratterizzata da massicci scistosi dalla tormentata morfologia con valloni alternati a pianori. Ricchissimo di boschi di lecci con frequenza di sughere, ginepri, corbezzoli, filliree arborescenti, lentischi e agrifogli negli anfratti più remoti. Macchia mediterranea con erica e corbezzolo arborescente.
L’area della foresta è importante sia sotto l’aspetto faunistico per le migrazioni stagionali del cervo sardo e del cinghiale, sia come sito d’importanza storico-culturale per la sua antica cultura contadina.
Popolano la zona anche altri mammiferi come le volpi, le donnole, i gatti selvatici, ecc..  
Non è raro incontrare l’aquila reale, la poiana e l’astore.
   
Come si arriva
 Si percorre la SS 195 fino alla rotonda per Su Spantu 2 (a destra subito dopo aver superato il Rio San Girolamo) in direzione località Baccalamanza, da qui per circa 10 km si procede su sterrato verso S’Arcu S’Enna Sa Craba per giungere sino al punto A della cartina.   
Itinerario a piedi
 Dal parcheggio auto (punto A, quota 242) si percorre un tratto di sterrata verso l’ovile Is Scillaras, sino ad arrivare all’innesto del sentiero (punto B, quota 253). Da qui si sale sino alla base di S’Arcu Cadalettu (punto C, quota 390) dove effettueremo la prima sosta del percorso. Riprenderemo il sentiero scendendo sino a quota 382, da qui il sentiero scompare portato via dall’alluvione del 2008, procederemo quindi un pò sul greto del Rio Is Cioffus e un pò sul costone scistoso sino a giungere alla sella (punto D, quota 339).
Il percorso continuerà fuori sentiero in ripida e faticosa salita sino al primo belvedere (punto E, quota 460) dove, confidando sul bel tempo, potremo godere di un bellissimo paesaggio montano.
Qui è possibile sostare per la pausa pranzo dopo la quale, prima di intraprendere il rientro, si può andare sulla punta Serra Is Ollastus (punto F, quota 468) dal quale è possibile ammirare un panorama a 360 gradi, che comprende il mare di Pula e l’isola di San Macario.
Il percorso di rientro, quasi totalmente fuori sentiero, esclusa la carrareccia che ci riporterà al parcheggio auto (punto A), è sempre in discesa e particolarmente impegnativo.  
 Tempo di percorrenza: 6 h circa (soste escluse).
 
Profilo Altimetrico
 
 
 Avvertenze importanti
Questo trekking non presenta particolari tecnicità, ma occorrono gambe ben allenate per via dei numerosi passaggi fuori sentiero su roccia scistosa ricca di licheni che, soprattutto con eventuale umidità o pioggia, potrebbero creare pericolosi scivolamenti e, nonostante non si raggiungano quote elevate, i dislivelli sono sempre molto ripidi.
L’escursione sarà condotta ad un passo costante con delle soste più o meno frequenti a seconda della necessità e delle caratteristiche del gruppo dei partecipanti.
 Il tipo di terreno rende indispensabile l’utilizzo delle scarpe da trekking.
Chi ne fosse sprovvisto, per motivi di sicurezza non potrà partecipare all’escursione.

Informazioni utili

 – SALVO AVVISO CONTRARIO pubblicato nel sito www.caicagliari.it le prenotazioni alle escursioni vanno effettuate rivolgendosi ai responsabili delle prenotazioni ivi indicati. Nella stessa pagina si viene indirizzati al sito del GEsCAI dove, nella pagina “La Scheda” vi sono le più ampie indicazioni e nella pagina “La descrizione” potete leggere queste righe.
– SALVO AVVISO CONTRARIO pubblicato nell’apposita pagina del sito GEsCAI, le prenotazioni alle escursioni vanno effettuate rivolgendosi al responsabile indicato nella pagina “La scheda”.
– Le prenotazioni vengono effettuate in ordine di tempo finché ci sono posti disponibili ed è possibile dare disdetta entro le ore 12.00 del venerdì precedente.
– I Soci evitino di presentarsi alla partenza senza aver prenotato entro i termini previsti.
– I Soci non scordino la tessera sociale, sopratutto se approvati di recente.
– Non si attendono i ritardatari, al massimo cinque minuti dopo l’ora fissata, si parte.
Le escursioni sono tutte “Sociali” ed organizzate dal GEsCAI.
Quelle classificate EE sono in linea di massima riservate ai Soci del Gruppo GEsCAI o del CAI, di cui si conoscono le capacità. Il Direttore di Escursione può ammettere NON Soci di cui conosce le capacità a questa tipologia di escursioni e se ne assume la responsabilità.
Avvertenze e consigli
 Il terreno rende indispensabile l’utilizzo delle scarpe da trekking. Chi ne fosse sprovvisto, per motivi di sicurezza non potrà partecipare all’escursione.
In caso di meteo avverso, i partecipanti verranno avvisati il venerdì precedente l’escursione.
Chi assume medicine ricordi di portarle con sé assieme alla posologia prevista.
 L’alimentazione dell’escursionista deve essere adeguata alle esigenze fisiche e climatiche. E’ sempre raccomandata una buona colazione e, durante l’escursione, piccole integrazioni (pane, fette biscottate) e/o barrette energetiche.
Si eviti di appesantire lo stomaco con cibi di lenta digestione e soprattutto di assumere bevande alcoliche. Sarà utile disporre di almeno 1,5 lt. d’acqua.
Norme di comportamento da tenersi durante le escursioni:
 Ogni componente del gruppo durante l’escursione starà sempre dietro il Direttore di Escursione e ne dovrà seguire scrupolosamente le indicazioni; il non attenersi vale come rinuncia implicita al nostro accompagnamento e alla assicurazione del CAI. Chi dovesse fermarsi per necessità fisiologiche lasci il sacco lungo il sentiero e chi chiude la fila saprà che deve attenderlo. Non è gradito che si fumi durante l’escursione. Non si lasciano rifiuti di alcun tipo; i rifiuti si riportano a casa. Ogni infrazione può essere motivo per l’esclusione da successive partecipazioni.
Dichiarazione di esonero di responsabilità
 Il Club Alpino Italiano promuove la cultura della sicurezza in montagna in tutti i suoi aspetti.
Pur tuttavia, la frequentazione della montagna comporta dei rischi comunque ineliminabili e pertanto con la richiesta di partecipazione all’escursione il partecipante esplicitamente attesta e dichiara:
 ·   di non aver alcun impedimento fisico e psichico alla pratica dell’escursionismo, di essere idoneo dal punto di vista medico e di avere una preparazione fisica adeguata alla difficoltà dell’escursione;
·   di aver preso visione e di accettare incondizionatamente il Regolamento Escursioni predisposto dal CAI – Sezione di Cagliari;
·   di ben conoscere le caratteristiche e le difficoltà dell’escursione;
·   di assumersi in proprio in maniera consapevole ogni rischio conseguente o connesso alla partecipazione all’escursione e pertanto di esonerare fin da ora il CAI Sezione di Cagliari e i Direttori di Escursione da qualunque responsabilità.
Direttori di Escursione
 Marco Danese, Massimiliano Puddu
_________________________________
La prossima Escursione è in data  5 novembre
Monte Genis (EE)
Direttori: G. Argiolas (ASE), P.Puligheddu (ASE), C. Serra (ASE), C.Simbula ()ASE)
 
Prenotarsi in tempo!